La mia compagna di studi / My study partner

Se fino adesso vi siete fatti un’idea sul mio carattere esuberante, di certo non vi ho ancora parlato di Alessia.

Lei era una direttrice travestita da restauratrice:

«Non ho voglia di storie, allora…. tu fai questo….. tu vai là….tu invece, cosa stai facendo? … dai su muoviti.»

Metteva tutti in riga…. anche coloro che per sbaglio si trovavano sulla sua traiettoria.

E a me piaceva proprio per questo 😊, perché era talmente vivido il suo carisma che riusciva ad ottenere quello che chiedeva. Lei era una leader!

In pochi mesi, grazie al suo temperamento, si era fatta conoscere da tutti gli studenti del nostro corso e ad ognuno aveva assegnato un compito. Gianluca doveva seguire la lezione del lunedì per poi passare gli appunti al resto del gruppo, Marta era quella del martedì, a Bruno spettava il mercoledì e via dicendo. Di rimando standole sempre vicino, avevo anche io avuto la mia occasione di socializzare facilmente e di giovare di questa sua distribuzione dei ruoli.

Infatti riuscivo a non frequentare quotidianamente le lezioni e a concentrarmi sugli studi. Alcune materie erano completamente nuove per me e la difficoltà di apprendimento era tanta ma il primo anno di università trascorse velocemente.

Inoltre il filo verde si era accorciato ed io e Alessia eravamo diventate buone Amiche!


If you’ve got an idea about my temper until today, I never told you about Alessia.

She was a director disguised as a restorer:

«I don’t want any trouble….so you will do that….you go there….and you, what are you doing? Hurry up!»

She fall everyone in line, even who was accidentally in her direction.

And I loved her way for all these reasons 😊, because her charism was so vivid that she obtained what she wished. She was a real leader!

In a few months, due to his temperament every students knew her and she gave a task to everyone. Gianluca must follow the lesson of Monday and give notes to the rest of the group, Marta was that of Thursday, Bruno had Wednesday and so on.

Being next to her, I could socialize easily with other students and having the benefit of distribution’s roles.

In fact I could not to go to every lessons and I was focusing on studies. Many classes were new for me and it was very difficult but the first year of university passed quickly.

Moreover the green thread was shorter and Alessia and I became good friends.

Leave a Reply

Your email address will not be published.