Il mondo rotondo / The round world

Il mondo rotondo / The round world

“È buffo! siamo venuti al mondo che è tutto tondo, per vivere in maniera bidimensionale.”

Come se tutta la nostra vita si sviluppasse su una superficie piana, senza profondità!

In questa superficie noi ci mettiamo le radici, costruendo la nostra quotidianità ed il nostro apparente equilibrio e se non ci sono grandi intoppi può anche funzionare.

Non c’è niente di sbagliato in una vita lineare, fatta di piccole cose, di un casolare, di affetti familiari e di sogni trasformati in tanti minuscoli sacrifici per poterci sentire sereni.

Ma la terza dimensione, che spesso viene sottovalutata perché non è utile a fare quadrare i conti, è quella che ci rende veramente vivi: la profondità.

Nella profondità c’è quella vocina insopportabile che ci dice continuamente chi siamo, cosa sentiamo e cosa desideriamo veramente.

Solo che ci spaventa così tanto ascoltarci e mettere d’accordo le tre dimensioni, che piuttosto, ci convinciamo che si viva bene anche lasciandola muta.

“È una mera illusione”

La vocina troverà sempre un modo per bussare alla porta del cuore e credo che dovremmo diventare tutti più galanti e farla entrare, se non vogliamo che si trasformi in una rompiscatole assordante.

Alla fine cosa potrebbe accaderci di più terribile che restare in una bidimensione?

Quindi, visto che il mondo è rotondo, tuffiamoci nel suo profondo ! La vita merita di essere vissuta fino in fondo.


“It’s funny! We came into this world that is all round, to live in a two-dimensional way.”

As if our whole life unfolds on a flat surface, without depth!

In this surface we put down our roots, building our daily life and our apparent balance and if there are no major hitches it can also work.

There is nothing wrong with a linear life, made up of small things, of a cottage, of family affections and dreams transformed into so many tiny sacrifices to feel serene.

But the third dimension, which is often underestimated because it’s not useful to make ends meet, is the one that really makes us alive: depth.

Deep inside is that unbearable little voice that continually tells us who we are, what we feel and what we really want.

Only that it scares us so much to listen to each other and to agree the three dimensions, that rather, we convince ourselves that we live well even leaving it mute.

“It is a pure illusion”

The little voice will always find a way to knock on the door of the heart and I think we should all become more dashing and let her in if we don’t want her to turn into a deafening pain in the ass.

In the end, what could happen to us more terrible than staying in a two-dimensional?

So, since the world is round, let’s dive into it deep! Life deserves to be lived until it’s over.

Leave a Reply

Your email address will not be published.