Il gigante / The giant

Il gigante / The giant

Quando ero piccola mi sembrava un gigante!

Le sue mani erano così grandi che mi ci potevo nascondere dentro.

Dietro alla sua folta barba, egli celava un sorriso, capace di catturarti all’improvviso, proprio come il flash di un autoscatto ed io ne restavo sempre abbagliata.

Il gigante preferiva apparire burbero per nascondere il suo cuore tenero, ma non l’ho mai temuto, anzi, mi sentivo protetta da quella presenza imponente.

Poi qualcosa deve essere andato storto… o forse la pozione magica della vita deve averlo trasformato in qualcosa di inaspettato e piano piano l’ho visto diventare sempre più piccolo, sempre più indifeso e nudo.

Ora sono io il gigante ed egli si è trasformato in un uomo.

Un uomo fallace, senza barba e capelli, con il volto stanco e le mani piene di fragilità.

Ora sono le mie braccia il suo porto sicuro e le mie parole la sua memoria.

Se la vita pensa di essersi presa la fetta più grossa, mostrandomi l’uomo al posto del gigante, si sbaglia… perché ciò che lo rende davvero grande non è il suo corpo, bensì il titolo che si è guadagnato il primo giorno che sono venuta alla luce:

– Papà!

“Si, egli è e sarà sempre, il mio papà”.


When I was little he seemed like a giant!

His hands were so big that I could hide in them.

Behind his thick beard, he hid a smile, capable of capturing you suddenly, just like the flash of a self-timer and I was always dazzled by it.

The giant preferred to appear gruff to hide his tender heart, but I never feared him, on the contrary, I felt protected by that imposing presence.

Then something must have gone wrong… or maybe the magic potion of life must have turned it into something unexpected and slowly I saw it get smaller and smaller, more and more helpless and naked.

Now I am the giant and he has turned into a man.

A fallacious man, without beard and hair, with a tired face and hands full of fragility.

Now my arms are his safe haven and my words, his memory.

If life thinks it has taken the biggest part, showing me the man instead of the giant, it’s wrong… because what makes him really great is not his body, but the title he earned the first day I came to light:

– Dad!

“Yes, he is and always will be, my dad”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.