Quel vento gelido / That icy wind

Quel vento gelido / That icy wind

Anna ama sistemarsi i capelli, le piacciono con un po’ di volume.

Una mattina, davanti allo specchio, con la spazzola in mano si accorge di avere una ghiandola nel collo leggermente gonfia, ma indolore.

“Che strano…”pensa, “magari ho preso un colpo d’aria, vado a farmi controllare”.

Cristiana ha da sempre un ciclo mestruale irregolare e quel mese era addirittura saltato.

“Chissà se è la volta buona che sono rimasta incinta, devo prendere un appuntamento con il mio dottore” si dice sorridendo.

Lucia indossa reggiseni imbottiti, non le piace essere piatta, definisce il suo busto come una bella tavola da surf. Quel giorno sotto la doccia, sente come un sassolino nel seno sinistro.

“Ho un seno così piccolo che riesco a sentire lo spigolo di un ossicino. Ma quale? Forse è il caso che mi faccia una lastra.” pensò sbuffando.

All’improvviso è arrivato l’inverno in queste tre anime vestite d’estate e con il suo vento tagliente, le ha spogliate del calore del sole.

Sedute nella stanza della terapia, le tre donne parlano delle loro sensazioni con smorfie sui volti che, appaiano come un timido sorriso. Il sorriso di chi sa che sta combattendo una dura battaglia e che non deve mollare.

“Sento tanto freddo!” disse Anna

“Mi sento così nuda…” disse Cristiana

“Non ho le forze, tutta colpa della rossa.” disse Lucia

Il cancro le ha offese, ma non è riuscito ad appropriarsi delle loro estati. La prevenzione unita al loro coraggio le ha salvate.

Eppure resta quel vento gelido.


Anna loves to arrange her hair, she likes it with a little volume.

One morning, in front of the mirror, with the brush in hand, she realizes that she has a slightly swollen but painless gland in his neck.

“How strange …” she thinks, “maybe I took a blow, I’m going to get checked”.

Cristiana has always had an irregular cycle and that month was even missed.

“Who knows if it’s the right time I got pregnant, I have to make an appointment with my doctor” she says smiling.

Lucia wears padded bras, she doesn’t like being flat, she defines her bust as a nice surfboard. That day in the shower, she feels like a pebble in her left breast.

“I have such small breasts that I can feel the edge of a bone. But which one? Maybe I need to get an X-ray.” She thought, snorting.

Suddenly winter arrived in these three souls dressed in summer and with its cutting wind, it stripped them of the heat of the sun.

Sitting in the therapy room, these three women talk about their feelings with grimaces on their faces that appear as a shy smile. The smile of someone who knows that she’s fighting a tough battle and that she must not give up.

“I feel so cold!” Anna said.

“I feel so naked…” Cristiana said.

“I don’t have the strength, that’s because of the red one.” Lucia said.

Cancer offended them, but it failed to appropriate their summers. Prevention combined with their courage, saved them.

Yet, that cold wind remains.

Leave a Reply

Your email address will not be published.