Ultimo / The last one

Ultimo / The last one

«Perché stai piangendo? È stata una gara fantastica e tu hai dato il meglio di te stesso. Bravo Matteo, sono orgoglioso di te!»

«Ma sono arrivato ultimo Coach. Che delusione, ho fallito.»

«Fallito? Oggi ho assistito a un’ottima performance, dovresti essere soddisfatto a prescindere dal risultato. Io lo sono.»

«Tu credi? Lo sai… mi sono allenato tanto, tutti i sacrifici fatti, le rinunce… perché il mio sogno era proprio quello di partecipare a questa gara. Classificarmi ultimo è stato come, essere ad un passo dalla felicità ma senza riuscire ad afferrarla.»

«Si gareggia per vincere, hai ragione. Inutile raccontarci il contrario… ma vincere non significa solo aggiudicarsi una medaglia o il podio, Matteo. Vinciamo nel momento esatto in cui ci proviamo!»

«Spiegati meglio Coach…»

«Ogni volta che con coraggio affrontiamo delle difficoltà, invece di restare immobili o facendo finta che non esistano… abbiamo vinto. Fallisce chi non ci prova! Per un attimo non pensare al risultato e concentrati sul percorso che hai fatto. L’avresti mai detto di riuscire a compiere i 100 metri con una protesi, alle Paralimpiadi?»

«No Coach, quando cinque anni fa ho perso una gamba, ho pensato che la mia vita fosse finita.»

«Ok, invece sei qui oggi! E dal momento in cui hai scelto di non arrenderti, perché avresti potuto farlo ed hai accettato la tua nuova condizione, trasformandola in un’opportunità, hai vinto! Sei già salito al primo posto, sul podio della tua vita.»

«Grazie Coach, avevo perso di vista la parte migliore della competizione. Direi che adesso dovremmo darcela a gambe e andare a festeggiare.»

«Sì, ma paghi tu da bere Campione»

“Se si può vincere una battaglia anche senza un arto, a chi manca solo il coraggio… cosa aspetta a provarci?”


«Why are you crying? It was a fantastic race and you gave the best of yourself. Bravo Matteo, I’m proud of you!»

«But I arrived the last Coach. I’m disappointed, I failed.»

«Failed? Today I saw an excellent performance, you should be satisfied regardless of the result. I am.»

«You believe? You know… I trained a lot, all the renunciations made, the sacrifices… because my dream was just to participate in this race. Classifying as last was like, being one step away from happiness but without being able to grasp it.»

«You compete to win, you are right. It is useless to tell us the opposite… but winning does not only mean winning a medal or the podium, Matteo. We win the exact moment we try!»

«Explain yourself better Coach…»

«Whenever we face difficulties with courage, instead of standing still or pretending they don’t exist… we have won. Those who do not try fail! For a moment do not think about the result and focus on the path you have taken. Would you ever have said you would be able to complete the 100 meters with a prosthesis, at the Paralympics?»

«I don’t Coach, when I lost a leg five years ago, I thought my life was over.»

«Ok, instead you are here today! And from the moment you chose not to give up, because you could have done so and you accepted your new condition, turning it into an opportunity, you won! You have already climbed to first place, on the podium of your life.»

«Thanks Coach, I lost sight of the best part of the competition. I’d say now we should run away and go celebrate.»

«Yes, but drinks are on you Champion»

“If you can win a battle even without a limb, who just lacks the courage… what are you waiting for to try?”

Leave a Reply

Your email address will not be published.