Sono croccante! / I’m crispy!

Sono croccante! / I’m crispy!

Mi sono guardata allo specchio e ho visto i primi segni del tempo.

«E questa cos’è? Devo avere dormito con la fronte spiaccicata sul cuscino, ieri non c’era questa linea marcata. Ne sono sicura!»

La stiro con le mani, ci metto un po’ di crema, un po’ di olio e basterebbe che la mettessi in forno per farla sembrare una ricetta, quella di una gustosissima schiacciata. Invece stavo parlando proprio della mia faccia che, d’accordo a volte è scura ma tosta no, ve lo assicuro.

Insomma le provo tutte, ma quella linea persiste e credo che abbia anche il dono della moltiplicazione, perché in effetti se guardo bene, sono due… no forse tre… aspetta ho capito:

“Dai è uno scherzo vero? Uno di quei filtri che invecchiano… ridatemi quello ti rende più giovane e bella per favore. Così non mi piaccio!”

La verità è che ho paura d’invecchiare, di non piacere più, di non sentirmi bella, di non essere più utile o considerata e così l’arrivo delle prime rughe è il cambiamento indesiderato.

Ma possono dei segni o delle cicatrici deturpare la vera bellezza e farti sentire inadeguata?

No di certo! Al contrario il tempo la rimarca.

Allora perché accanirsi?

Alla fine basta non dare troppa importanza alle rughe e concentrarsi su ciò che siamo veramente. Nel mio caso per esempio, mi piace pensare che non sono vecchia. Sono solo un po’… come dire… croccante!


I looked myself in the mirror and I saw the first signs of aging.

«What is this? I must have slept with my forehead squashed on the pillow, yesterday there was no marked line. I’m sure about that!»

I stretch it with my hands, I put in a bit of cream, a bit of oil and it would be enough if I put it in the oven to make it look like a recipe, that one of a very tasty flatbread. Instead, I was talking about my face which, of course, is dark sometimes but not tough, I assure you.

In other words, I try them all, but that damn line persists and I think it also has the gift of multiplication, because in fact if I look closely, there are two… no, maybe three… wait I understand:

“Come on it’s a joke, isn’t it? One of those aging filters… give me back that one that makes you younger and more beautiful, please. I don’t like myself like that!”

The truth is I’m afraid to get older, afraid to not be liked anymore, afraid to not feel beautiful or desired, afraid to be useless or not considered anymore and so the coming of the first wrinkles is the unwanted change.

But can marks or scars disfigure true beauty and make you feel inadequate?

Of course, not! On the contrary, time marks it.

So, why bother?

In the end, just don’t give too much importance to wrinkles and focus on who we really are. In my case, for example, I like to think that I’m not old. I’m just a little… crispy!

Leave a Reply

Your email address will not be published.