10/31/201901/03/2020

Benny

«Papà….. papà?» Mi svegliai di soprassalto nel cuore della notte, dovevo aver fatto un brutto sogno perché ero tutta sudata e chiamai mio padre per essere confortata. Ma papà era partito già da qualche giorno. «Mon Dieu… che brutto trovarsi soli dopo un incubo…..mi ero quasi abituata alla presenza di papà….Milla dove sei? Almeno tu,...

11/03/201901/03/2020

Alla ricerca della padrona perduta / Finding the lost owner

Benny era una bastardina di un mese che, probabilmente, si era smarrita. Il veterinario mi disse che aveva un microchip, ma non riusciva a catturare le informazioni necessarie per poterla identificare. «Se vuole, Signorina, la può portare a casa ma abbiamo il dovere di pubblicare un annuncio di smarrimento. Tra l’altro, fra qualche giorno vorrei...

11/05/201901/03/2020

Volantinaggio / Leafleting

Max mi disse di stampare dei volantini e di andare l’indomani a distribuirli davanti alla sua edicola. «Pronto Max? Non sai cosa mi è successo questa mattina: ho trovato una cagnolina sepolta nella neve. La devi vedere, è così piccola … sembra un coniglietto… si chiama Benny. Cioè, l’ho chiamata io Benny! Il veterinario mi...

11/07/201901/03/2020

È uno scherzo? / Are you kidding me?

La proposta di Max fu l’inaspettato che ti rende felice. In cuor mio sapevo che la nostra amicizia era mutata nel tempo, c’era una complicità particolare fra noi e poi non vi nascondo che il suo sorriso a me faceva impazzire. Però, se lui non avesse fatto il passo, avrei lasciato ancora tutto sospeso: dopo...

11/10/201901/03/2020

Benvenuti a casa! / Welcome home!

Non vi dico la reazione che ebbe Eloise! Eravamo in sartoria e lei iniziò a buttarmi addosso delle stoffe di colore avorio 😳. « …con questa stoffa potrei farti la gonna…guarda questa seta…. ti disegnerei il corpetto…. e questo pizzo? Che ne dici di un lungo velo…..» «Eloise, ho detto che mi trasferisco da Max,...

11/12/201901/03/2020

Il suono delle campane / The sound of bells

Ed è sempre così, me lo diceva mia nonna, quando pensi che a te non succederà mai niente di bello… accade. Max era l’Amore ma anche la passione e soprattutto era il suono delle campane. Alle farfalle nello stomaco non ci avevo mai creduto, ma ora dovevo ammettere che ogni volta che Max mi sfiorava,...

11/14/201901/03/2020

Rosso mela / Red apple

«Non avevo mai visto una bocca più bella … color rosso mela» mi disse Max e continuò: « ….come avrei potuto non notarti Fragola? Quando sei arrivata in questo quartiere tutti parlavano di te in edicola. Mi chiedevano se sapevo chi fossi, parlavano di quella ragazza particolare con i capelli ramati, gli occhi dolci e...

11/17/201901/03/2020

La mia nuova casa / My new house

La mia nuova casa era all’ultimo piano di una piccola palazzina ed era una mansarda. Sapete, avevo sempre desiderato abitare in una mansarda e poi a Parigi, mi sembrava un sogno. Lo spazio era ampio, una specie di loft con tante librerie che dividevano una zona dall’altra. Le pareti erano color carta da zucchero ed...

11/19/201901/03/2020

Aprile che dire! / What to say April!

Mancava poco ad Aprile e questo mese ci avrebbe regalato due eventi importanti: – il compleanno del nostro amico Jack; – il concerto dei Funses al Circle des Artistes. Il nostro amico Jack avrebbe compiuto gli anni il 7 aprile ed il concerto sarebbe stato il giorno 12, così decidemmo di organizzare una cena a...

11/21/201901/03/2020

Il compleanno di Jack / Jack’s birthday

«Auguri Jack! Auguri vecchierello del nostro cuore.» «Ehi ehi calmi con le parole, non approfittatevi del fatto che vi voglio bene.» Eravamo tutti e quattro a tavola: Max, Jack, Pierre ed io a festeggiare il compleanno del nostro amico. Per l’occasione avevo preparato delle lasagne al forno, sapevo che ai ragazzi piaceva molto la cucina...

11/24/201901/03/2020

I Funses / The Funses

Erano le 23, il concerto era iniziato da poco ma già il pubblico era in escandescenza. Ci saranno state circa 200 persone, per lo più adulti e tutti avevano iniziato a saltare e ballare fin dalle prime note. I miei tre ragazzi mi avevano circondata per evitare che qualcuno mi venisse a sbattere, così io...

11/26/201901/03/2020

…e poi? / …and then?

Nella nebbia una mano mi afferrò, mi strattonò da una parte e mi disse di correre. Io correvo e piangevo…. correvo e piangevo…. e presto mi trovai dietro ad un divanetto e vidi Jack. «Oh mio Dio Jack….. che cosa sta succedendo? Ho paura Jack…. dove sono gli altri? Dov’è Max?…» dissi singhiozzando. «Fragola, non...

11/28/201901/03/2020

È tutto finito / It’s all over

Da lì a breve mi ritrovai in ospedale in stato di shock, sdraiata su una barella in un lungo corridoio pieno di gente nelle mie stesse condizioni. I medici correvano nelle corsie e sentivo che parlavano di un attentato. Dicevano che un pazzo era entrato in un locale famoso ed aveva iniziato a sparare contro...

12/01/201901/03/2020

Jack e Pierre / Jack and Pierre

Durante quella notte maledetta perdemmo i nostri due amici. Pierre fu subito colpito a morte e, mentre il suo corpo cadeva a terra, fece da scudo a Max e gli salvò la vita. L’attentatore infatti sparò un altro colpo per uccidere anche Max ma, fortunatamente, riuscì solo a ferirlo. Invece, Jack incontrò la morte mentre...

12/03/201901/03/2020

I funerali / The funerals

Questa volta non riuscivo proprio a rialzarmi dopo la caduta. Non riuscivo a trovare un senso a quello che ci era successo al club des artistes e, senza questo, non accettavo di aver perso i miei amici. Tutte le prime pagine dei giornali riportavano l’orrore di quella sera, anche io e Max fummo intervistati una...

12/05/201901/03/2020

La città di cemento / The city of concrete

Coraggio, altruismo, forza! Ormai glielo avevo detto, era una specie di promessa quella che avevo fatto ai miei amici e quindi io dovevo trovare il coraggio e la forza di guardare verso il futuro. E dovevo anche essere altruista, perché con la mia disperazione non stavo aiutando Max a superare questo periodo grigio. Ma io...

12/08/201901/03/2020

La fede / The faith

Quando ho iniziato a mettere un po’ di colore sulle mie tele, era come se stessi dipingendo anche la mia anima. C’era qualcosa d’indefinito, a cui non sapevo dare un nome o una forma, ma che mi stava attirando verso una nuova dimensione, che avevo soprannominato “Fedangolo”. Quell’angolo di pace in cui ritrovi la fede....

12/10/201901/03/2020

Non si dimentica, si va avanti / Never forget, keep going

La mia collaborazione con Eloise si era conclusa ma la nostra amicizia era uno dei pilastri della mia vita. Beh gli altri li conoscete! Max continuava a gestire la sua edicola e nonostante tutto, il suo sorriso restava la sua forza più grande. Papà era sempre più presente nella mia vita. Il resto della mia...