Articolo

Il proprietario del dipinto / The painting’s owner

I giorni passavano e, con essi, anche il ricordo di François si stava affievolendo. Avevo tante cose da fare, Elsa mi faceva fare consegne, acquisti di materiale per restauro e piano piano mi spiegava anche le tecniche per portare a nuova luce le meraviglie rovinate dal tempo. Arrivavo a casa sua con un aspetto umano...

Articolo

Settembre e Parigi / September and Paris

Quando Elsa mi informò sulla riconsegna del dipinto a Parigi, ecco che ripensai a François. Erano già passati alcuni mesi e non ci eravamo più sentiti. In effetti, io per prima, non gli avevo dato più mie notizie e forse avrei dovuto, data la sua amorevole disponibilità. Dall’altro canto neanche François mi aveva mai scritto...

Articolo

Papà?! / Dad?!

«Wow opera completata !! E sono le 19 del giorno 31 agosto…. siiiii Parigi arrivoooo» Elsa aveva accettato di buon grado che l’accompagnassi in Francia, così andammo a comprare i voli per il weekend successivo alla conclusione dell’opera. Decisi anche di non avvisare François, se era stato destino trovarsi la prima volta di certo doveva...

Articolo

Le promesse / Promises

Un classico, presi conoscenza dopo aver ricevuto qualche buffetto sulle guance ed aver sentito gocce di acqua cadere sul volto. «no no ….aiutoooooo…non so nuotare!!….e poi ho visto un uomo che assomiglia a mio padre….» farfugliando cose di questa entità iniziai ad aprire gli occhi. Porca miseria, quello ero davvero mio padre 😳! Nel tragitto...

Articolo

La consegna / The delivery

Wowwwwww….. che meraviglia la residenza! Un enorme giardino all’inglese la circondava ed un vialetto di ciottoli conduceva ad una porta d’ingresso gigante. Ma nulla mi colpì così tanto come quello che vidi varcando la soglia: una scalinata centrale che formava una spirale verso il soffitto, ricoperta di velluto Bordeaux. Io credo che solo in qualche...

Articolo

Tutto è bene quel che… / All’s well that…

Avevo appuntamento con mio padre “l’autista” quel mattino ma prima di uscire telefonai a Francois: Drin drinnnnnn… Drin … Drinnnnn☎️ Lo feci suonare a lungo ma non ci fu risposta. Peccato…………… Gli avrei voluto dire tante cose…. e poi gli avrei fatto conoscere mio padre… Sicuramente si sarebbe fatto una risata ripensando a Filibert! Ma...

Articolo

Il filo rosso spezzato / the broken red thread

Avete mai sentito parlare della storia del filo rosso del destino? Pare sia una leggenda popolare giapponese che narra che ogni uomo ed ogni donna viene al mondo con un sottile filo rosso legato al mignolo. Questo filo crea un legame indissolubile fra due anime destinate a stare insieme solo che, essendo molto lungo, si...

Articolo

L’università / The university

Mi piaceva molto studiare, cioè prima del black out, ero una studentessa con grandi capacità intellettive e di apprendimento. Poi come sapete ci fu un buco nero temporale e l’essere riuscita a completare la scuola superiore era già stato un piccolo successo. Ora addirittura l’iscrizione all’ università dei miei sogni, che bello 😍, non ci...

Articolo

La mia compagna di studi / My study partner

Se fino adesso vi siete fatti un’idea sul mio carattere esuberante, di certo non vi ho ancora parlato di Alessia. Lei era una direttrice travestita da restauratrice: «Non ho voglia di storie, allora…. tu fai questo….. tu vai là….tu invece, cosa stai facendo? … dai su muoviti.» Metteva tutti in riga…. anche coloro che per...

Articolo

Due possibilità / Two possibilities

Ci sono sempre due possibilità quando ci troviamo di fronte ad un bivio. Anche se spesso una di queste sembra perdersi nella nebbia quando arriva il momento di decidere e l’unica possibilità che riusciamo a vedere in maniera nitida è sempre quella più ovvia: la fuga! Se c’è una cosa che ho subito imparato è...

Articolo

Il male minore / The lesser evil

Si trattava di scegliere il male minore, così decisi di “parcheggiare la mia auto in garage.” Decisi che avrei accantonato gli studi universitari per cercare un lavoro che mi permettesse di mantenermi e di costruire la mia indipendenza. Così a settembre andai a riconsegnare il libretto universitario con le lacrime che, trattenute, stavano formando un...

Articolo

Il filo verde / The green thread

Il filo verde della speranza è incredibilmente resistente e ci nasciamo attaccati. Pensateci, tutta la vita “speriamo” in qualcosa! “Che sia la speranza la calibrazione della bilancia dell’umore ? ” Una specie di umorometro, più lo carichiamo di speranze e più penderà verso la felicità 😃. Quando invece perdiamo la speranza, calerà verso il basso...

Articolo

La macedonia / The fruit salad

“Chi può dire se una scelta è giusta o sbagliata?” Qualunque sia la conseguenza che ne deriva, il risultato è solo “esperienza”. La vita è un collage di esperienze, negative e positive, che ogni volta ci insegnano qualcosa. Il nostro compito sarebbe solo quello di imparare. Di solito questa comprensione arriva con un lento ritardo,...

Articolo

Matteo / Matthew

Quando senti tirare il filo rosso, inizi a non capire più niente. Vi hanno parlato di farfalle nello stomaco, di giramenti di testa, di suoni di campane ….. no, io ve lo assicuro, è qualcosa di ancora diverso. All’inizio la sensazione di euforia ti catapulta da una realtà bianco e nera ad una a colori....

Articolo

L’Amore / The Love

Da piccolina mi ero sempre domandata cosa fosse l’amore, cosi avevo raccolto tutte le informazioni da letture di libri, film e racconti di persone adulte e mi ero data la mia personalissima risposta. Avevo capito che non poteva essere semplificato in una casetta bianca con il mulino, una gallina ed una coppia che tutto il...

Articolo

Luce a intermittenza / Blinking lights

Il problema è la gestione di questo sentimento. Lo aspettiamo tutta la vita e poi quando arriva non sempre siamo in grado di accoglierlo, a volte non lo riconosciamo nemmeno. Io avevo riconosciuto Matteo, non c’erano dubbi, ma non ero in grado di gestire il sentimento che provavo. Mi sentivo felice ed allo stesso tempo...

Articolo

Fulmine e saette / Thunder and lightning

Era un caldo pomeriggio di fine estate ed io e Matteo decidemmo di trascorrerlo a fare shopping. C’era un grande centro commerciale un pochino lontano da casa, ma dove si potevano trovare delle buone occasioni e a noi piaceva andare lì. All’arrivo, entrammo nel bar situato all’ingresso del centro, per mangiare qualcosa, ma c’era così...

Articolo

Ditemi che non è vero / Tell me it’s not true

Avevo il cuore che mi batteva velocissimo e per un istante mi sembrò di non riuscire a prendere fiato. Ero terrorizzata! ” Ditemi che non è vero…. non è accaduto veramente…. vi prego…. ditemelo ” mi ripetevo con voce muta. ” Matteo mi ama …. non mi farebbe mai del male. È stato solo un...

Articolo

La violenza e la sua debolezza / The violence and its weakness

È facile dare un parere quando non si è coinvolti in prima persona in una situazione. L’avevo fatto anche io, tante volte, anche in merito alla violenza sulle donne . Dicevo che se fossi stata al posto di una di quelle vittime, io me ne sarei andata via al primo segnale di pericolo, perché un...

Articolo

La terapia / The therapy

Sentirsi umiliati e sbagliati è la cosa che più annichilisce l’essere umano. È uno stato di debolezza attraverso il quale, permettiamo a qualcuno di farci del male. Quindi potrebbe sembrare assurdo quello che vi sto per dire eppure corrisponde al vero nella maggior parte dei casi. Una parte della responsabilità è nostra, anche quando siamo...

Articolo

La tesi del Dott. Anselmo / The Doc. Anselmo’s thesis

Fin dalla prima seduta, mi trovai a mio agio con lo psicologo e gli raccontai la motivazione che mi aveva spinto a decidere di iniziare un percorso con lui. Poi successivamente gli parlai anche della mia famiglia, del mio black out, degli incubi ricorrenti e di tutto quello che mi passava per la testa in...

Articolo

Il giorno dopo / The day after

Le mie amiche continuavano a dirmi che avevo fatto la scelta giusta, che si vedeva che non ero serena con Matteo. Eppure io non mi sentivo bene. In cuor mio sapevo di avere preso la direzione giusta, era sano che io mi allontanassi da lui. Ci sono persone che riescono a tirare fuori il meglio...

Articolo

Rimedi naturali / Natural remedies

Sono sempre stata una donna forte seppur con tante debolezze ed ogni volta che sono caduta ” nel fondo del bidone grande verde” come direbbe la mia amica Marcella , ho comunque cercato di risalire. È che quando inizi un percorso con te stesso oppure quando la vita ti presenta degli ostacoli, tu in quel...

Articolo

Forrest Gump

Quando penso ad un errante, mi viene in mente sempre Forrest Gump! Un classico! Ora, io non camminai così tanto ma abbastanza per buttare fuori un po’ di rabbia. Camminando, immaginavo di trasformare la mia rabbia in materia e come un’abile mercante cercavo di venderla ai passanti. ” Signori, oggi ho due bei kg di...

Articolo

Heidi versus Forrest Gump

In sostanza ero partita per la mia avventura da errante come una ” Forrest Gump ” per rivelarmi la cugina di Heidi. Se a lei le caprette facevano ciao, a me gli alberi e la talpa stavano dicendo arrivederci. Qualcuno di voi starà sicuramente pensando che lo spacciatore sia stato lo stesso 😄 ed in...

Articolo

La “manna“ / The “manna”

“Aiutati che il ciel ti aiuta” Ho sempre amato questo proverbio, l’ho fatto mio in tutte le occasioni in cui mi sono sentita più sola. Allora pensavo che c’era sempre il cielo con me…. con le sue meravigliose sfumature …. un po’ come la vita. Solo che il cielo arrivava a darmi una mano quando...

Articolo

Il vestito giallo / The yellow dress

Il dott. Anselmo mi aveva detto che dovevo lavorare sulla mia autostima e probabilmente avevo iniziato già a farlo nel momento in cui avevo lasciato Matteo. Però ora dovevo continuare il lavoro e mi vennero in mente le parole di Fabio Volo in merito ” alla rinascita di una donna” : Audio Aprii l’armadio ed...

Articolo

Considerazioni / Observations

Arriva un momento in cui capisci che stai diventando grande e non è detto che coincida con la tua età anagrafica. I segnali sono altri: 1) sei già andato su e giù dal bidone verde, almeno un paio di volte. 2) hai dovuto scegliere che strada prendere ad un bivio almeno un paio di volte....

Articolo

Fragola e l’Universo / Strawberry and the Universe

Si, ero pronta per diventare un’adulta! Beh avrei dovuto fare ancora molta strada, però avevo le consapevolezze giuste per compierla. Non avevo ancora deciso chi essere veramente: un’esperta agente di viaggi, una restauratrice …. oppure una scrittrice sognatrice. Ma sapevo cosa non avrei mai più voluto essere e questa era la mia più grande forza....

Articolo

Il richiamo / The call

Trascorsa l’estate, era giunto il momento di preparare le valigie per un altro viaggio. Mi ero concessa qualche mese di riposo e la cosa più buffa era stata abituarmi alla quiete. Si, perché quando vivi con il fiato corto poi riappropriarsi dei lunghi respiri diventa quasi un’impresa. Dicono che siamo ” macchine perfette “, peccato...

Articolo

I preparativi / The arrangements

« Fragola, hai preso qualcosa per proteggerti dal freddo, dal caldo, dalla pioggia, dal sole, dagli sconosciuti, dal fantasma di Napoleone, da quello di Charles de Gaulle, Enrico IV, Robespierre…..fino al fanta presidente Macron?! » « Mammaaaaaaaaa… fermati! Ci mancava Lady Oscar e facevo una telefonata al 118. Non vado poi così lontano, il clima...

Articolo

Come un indiano / Like a Native American

” che bella Parigi in autunno….” Dopo le prime due settimane di assestamenti vari, trascorse soprattutto a sistemare la mia nuova casa, ero pronta per esplorare la città. In parte la conoscevo, essendoci già stata altre volte, ma lo sguardo che poniamo sulle cose cambia se per prima l’intenzione è mutata. Ora ci abitavo, mi...

Articolo

La sartoria di Eloise / Eloise’s taylor shop

La sartoria si trovava a Rue de Montpellier numero 7, una piccola stradina del quartiere di Belleville. Aveva una sola vetrina con esposto un manichino ed un cartello: ” Réparation et création, Madame Eloise est à vôtre service “ La porta era aperta, entrai e subito un odore forte di muffa mi assalì, c’erano talmente...

Articolo

Ahi! / Ouch!

«Ahi….ahi…….ahi….ho le dita delle mani tutte bucate ….. ahi….ahi….ago maledetto non avrai la meglio!» Ed io che pensavo che sarebbe stato un gioco da ragazzi imparare a cucire… Eloise mi aveva detto di esercitarmi a casa e lo facevo ma, quando un giorno mi bussarono alla porta ed aprendo vidi un gendarme, capii che non...

Articolo

La nuova mansione / The new task

Qualche giorno più tardi comunicai a Eloise la mia volontà di cercare un altro impiego, mi sentivo davvero una completa frana nell’arte del cucito. Allora Eloise mi fece la proposta di occuparmi solo dei suoi clienti, accoglierli in negozio, aiutarli nella scelta dei tessuti e prendere loro le misure per eventuali capi da realizzare; oppure,...

Articolo

I clienti della bottega / The shop customers

Quanti tipi strani entravano nella sartoria! C’era Madame Celine, una vedova che abitava vicino a Nôtre Dame, che si faceva realizzare abiti per le serate mondane. Lei amava indossare i pezzi unici e l’unico modo era farseli disegnare e cucire da Eloise. Per questo, programmava con largo anticipo le sue richieste e veniva direttamente in...

Articolo

L’ Etoile ed il cigno nero / The Etoile and the black swan

Colette, aveva la grazia di una Etoile. Mentre le prendevo le misure, sentimmo aprire la porta di casa e Colette corse verso l’ingresso. «Mon Amour bentornato! Vieni, ti presento l’assistente di Eloise, la sarta. È venuta appositamente per prendermi le misure. Loro realizzeranno il mio abito da sposa. Come sono felice amore.» Dall’altra stanza, riuscivo...

Articolo

S.O.S scarsa visibilità / S.O.S poor visibility

Pedalavo più forte che potevo per asciugare le lacrime che il mio stato d’animo non riusciva a trattenere. Ci sarebbero voluti due “tergiocchi” per riuscire a vedere bene la strada e , nonostante questo, continuavo a correre… correre… finché fu tutto buio. Una Signora era appena uscita dalla sua macchina ed urlava cercando aiuto. «Aiutatemi...

Articolo

Il freddo inverno / The cold winter

Mio padre mi aiutò a riprendermi ma non fu facile: ci vollero dei mesi ed infatti quando uscii di casa la prima volta, dopo l’incidente, c’era la neve e tutti si stavano preparando ad accogliere il Natale. Che meraviglia la città durante le feste natalizie… «Fragola non ti stancare troppo, mi raccomando, ricordati cosa ti...

Articolo

Aridaje!

Eloise, mi veniva a trovare ogni sera alla chiusura della bottega. A volte si fermava anche con noi a cena e mi raccontava quello che le era successo durante la giornata. Eravamo diventate amiche e non vedeva l’ora che io facessi ritorno al lavoro. Mi disse che qualche giorno dopo l’incidente, Madame Colette la contattò...

Articolo

Mr Sorriso / Mr Smile

All’angolo della strada che portava a casa mia, c’era sempre appostato un ragazzo che vendeva i giornali. Si chiamava Maximilien ed aveva un sorriso accogliente. Occhi scuri e profondi, capelli nero corvino ed indossava sempre una coppola. Ogni mattina, quando uscivo per andare alla bottega, Max mi chiamava per offrirmi il quotidiano ma, dopo l’incidente,...

Articolo

Il tipo sospetto / The prawler

Max mi disse che aveva conosciuto mio padre, il quale era andato a comprare dei giornali e presentandosi gli aveva raccontato della mia sventura. «Mi sono preoccupato per te, ma tuo padre mi diceva che era sicuro che ti saresti ripresa bene grazie alla tua tenacia. Sai io non ti conosco, però anche uno stolto...

Articolo

Sveglia ore 6.00 / Wake up at 6am

Se è vero che la curiosità è femmina, perché quell’uomo dall’altra parte della strada stava fissando proprio la mia casa? Il giorno seguente la visita di Max, avevo puntato la sveglia alle 6 del mattino, volevo capire se questo tipo sospetto esisteva veramente oppure se era solo la proiezione di una paura del mio amico...

Articolo

La tigre ed il lupo / The tiger and the wolf

«Ehi….ehi tu…. si può sapere perché mi stai spiando? … chi diamine sei e cosa vuoi da me?» Ero uscita di casa e stavo camminando con passo veloce in direzione dello sconosciuto urlandogli contro… Proprio come una tigre quando avvista la sua preda: insomma, una pazza che gridava all’alba in una strada di un quartiere...

Articolo

Ma voi ci credete nelle favole? / Do you believe in fairy tales?

Nel fermo immagine, la margherita disse al lupo che lo amava, che lo aveva amato fin dal primo momento. Ma era anche arrabbiata con lui, non si era mai fatto sentire, non l’aveva più cercata… lasciandola con il sapore dell’amore addosso ed un vestito giallo. Però, adesso, era lì fermo davanti a lei e dentro...

Articolo

La neve / The snow

Non lo vidi mai più…. nemmeno per sbaglio …camminando per strada….oppure in uno dei tanti café parigini. Avevo ripreso a lavorare nella sartoria ma chiesi a Eloise di non occuparmi più della futura sposa Fubert e lei fece anche molto di più. Nascose l’abito destinato a Colette nel soppalco e così non vidi mai l’opera...

Articolo

È Natale / It’s Christmas time

«Ciao Mamma, buon Natale!! Si sì tutto bene, sono con papà e Max a pranzo. Sì certo, anche loro ricambiano gli auguri. Dai un bacio a tutti e ti aspetto a Parigi.» «Papà puoi guardare se la pasta è pronta per favore? Max, inizia a stappare del buon vino s’il te plâit…. vado a cambiarmi...

Articolo

Il mio amico Max / My friend Max

Che altro aggiungere su Max? Era il giornalaio più simpatico del quartiere, il rubacuori più rinomato di Rue St. Anne.. ogni mattina si formava una lunga fila di signore che, pur di ricevere un sorriso da Max, si fingevano interessate ad acquistare il quotidiano. Io ero contenta di averlo come amico, se non lo avessi...

Articolo

Arrivederci papà! / Goodbye dad!

«Ahhhh che strano che te ne vai papà…. mi mancherai lo sai?» «Non saremo così distanti, in un’ora di treno potrai raggiungermi ogni volta che lo vorrai» Papà se ne stava ritornando a casa, dopo tre mesi di convivenza nel mio piccolo appartamento parigino. Era vero, ora non abitavamo così distanti, lui aveva una casa...

Articolo

Benny

«Papà….. papà?» Mi svegliai di soprassalto nel cuore della notte, dovevo aver fatto un brutto sogno perché ero tutta sudata e chiamai mio padre per essere confortata. Ma papà era partito già da qualche giorno. «Mon Dieu… che brutto trovarsi soli dopo un incubo…..mi ero quasi abituata alla presenza di papà….Milla dove sei? Almeno tu,...